contenuto flash non disponibile

Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)French (Fr)

PostHeaderIcon AL VIA LA PIENA ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DEGLI APPALTI - DPR 207-2010 (REGOLAMENTO DI ESECUZIONE ED ATTUAZIONE DEL DLGS 163-2006 “CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 2004/17 E 2004/18 CE)

Dall’8 di giugno è operativo in tutti i suoi aspetti il nuovo codice degli appalti, il cui scopo è principalmente quello di fare maggior pulizia nel mercato dei lavori pubblici , ancora oggi, a dieci anni dall'ingresso delle SOA, inquinato dai certificati falsi.

Già operative dallo scorso mese di dicembre le sanzioni a carico di costruttori e delle SOA, sono ora entrate in vigore tutte le altre regole contenute nel corposo testo del DPR e di cui riportiamo gli aspetti principali distinguendo tra quelli entrati in vigore sin dallo scorso 25 dicembre 2010 che dall’8 giugno 2011
Disposizioni entrate in vigore dal 25 Dicembre 2010 (articoli 73 e 74)
-      Sanzioni alle imprese: multe fino a 25.582 euro a chi non comunica all'Autorità di vigilanza sui contratti variazioni nei requisiti generali e multe fino a 51.545 euro per dichiarazioni false all'Autorità in merito alla qualificazione
-      Sanzioni alle Soa: multe sino a 25.582 euro per violazione degli obblighi di comunicazione e trasmissione dati all'Autorità di vigilanza sui contratti, nonché per mancata conservazione dei documenti. Multe fino a 51.545 euro per svolgimento dell'attività di verifica dei requisiti delle imprese in modo non corretto, con possibilità di sospensione temporanea dell'attività
-       
Disposizioni entrate in vigore dal 8 giugno 2011
-      Studi di Fattibilità e Progettazione
Il nuovo Regolamento richiede maggiore accuratezza in tutte le fasi progettuali, dallo studio di fattibilità al documento preliminare ai tre livelli di progettazione (preliminare, definitiva ed esecutiva). Particolare attenzione è dedicata alle possibili interferenze delle opere (in particolare delle opere a rete), che devono essere individuate e risolte tutte in fase progettuale.
-      Nuovi prezzi
L’art. 32 incrementa dal 15% al 17% la percentuale massima delle spese generali da utilizzare nella composizione di nuovi prezzi. Lo stesso articolo, al comma 4, elenca dettagliatamente le voci di spesa che rientrano nelle spese generali.
-      Responsabile Unico del Procedimento (RUP)
Il Responsabile Unico del Procedimento (RUP) può svolgere anche le funzioni di progettista e direttore dei lavori, ma solo per opere di importo inferiore a 500.000 euro. Per i lavori al di sotto della soglia europea (attualmente 5,2 milioni di euro) il RUP può predisporre la progettazione preliminare.
-      Validazione dei progetti
La validazione dei progetti di lavori può essere interna alla Stazione Appaltante o esterna.
Verifica interna:
o   Fino a 1 milione di euro (o alla soglia europea per le opere a rete) può essere effettuata direttamente dal RUP.
o    Per importi superiori la validazione dovrà essere effettuata da strutture interne dotate (dal 2013) di un sistema di controllo qualità.
o   Per importi maggiori di 20 milioni di euro la struttura interna deve essere accreditata dal Servizio Tecnico Centrale del C.S.L.P. o da enti di accreditamento europei.
-      Verifica all’esterno:
o   Possibile l’affidamento all’esterno a professionisti e società per opere puntuali fino ad 1 milione di euro o a rete fino a 5,2 milioni (soglia europea).
o   Per importi superiori a professionisti e società dotati di un sistema di controllo qualità accertato da organismi di certificazioni.
o   Per importi superiori a 20 milioni di euro la validazione può essere affidata a organismi di ispezione accreditati dal Servizio Tecnico Centrale del C.S.L.P. o da enti di accreditamento europei.
-      Riduzioni
Nelle gare di progettazione le amministrazioni dovranno indicare un tetto massimo accettabile di ribasso da offrire. Le offerte che lo superano sono dichiarate inammissibili. Inoltre in queste gare è vietato il criterio del massimo ribasso. Per quanto riguarda l'attestazione, è previsto uno sconto del 20% sulle tariffe minime obbligatorie praticate dalle Soa per le Pmi che si abilitano a gare fino a 516mila euro.